Spazio Gioco Materne

spazio-gioco

“SPAZIO GIOCO”

Il servizio di Tempo Prolungato “Spazio Gioco” per la scuola dell’Infanzia, nasce dall’esigenza di rispondere ad un bisogno della comunità, di prolungare l’orario scolastico e offrire al bambino uno spazio di gioco alternativo in cui poter trovare stimolo e sostegno.

Destinatari
Il servizio è rivolto ai bambini della scuola dell’Infanzia e quindi di età compresa tra i 3 e i 5 anni.

Periodo di attivazione e orari
Il servizio si svolge da ottobre a giugno, dal lunedì al venerdì, con un orario che va dalle 16.00 alle 17.30.

Organizzazione della giornata
Gli educatori e le educatrici alle ore 16.00 accolgono i bambini iscritti al servizio nelle aule destinate, dove trovano un ambiente accogliente e capace di rispondere alle loro esigenze.

E’ prevista una routine pomeridiana che scandisce i momenti salienti dell’attività:

  • accoglienza e merenda;
  • gioco libero e giochi organizzati (tutti i giorni) alternati ad attività laboratoriali (2 giorni a settimana).

Le attività pomeridiane prendono avvio con l’accoglienza e predisposizione degli spazi per la merenda, momenti che prevendono il coinvolgimento attivo del bambino individuando ruoli e compiti ben precisi nella gestione dei momenti caratterizzanti.
L’attribuzione di ruoli e compiti precisi ha l’obiettivo di accompagnare il bambino nel percorso di acquisizione e valorizzazione delle autonomie personali.

Obiettivi educativi
L’obiettivo educativo prioritario è la creazione di un contesto sereno e facilitante per il bambino, nel quale possa sperimentare relazioni significative sia con il gruppo dei pari che con gli adulti di riferimento.

Tale obiettivo pedagogico generale viene perseguito attraverso i seguenti obiettivi specifici:

  • promuovere le norme di vita comune in continuità educativa con le insegnanti curriculari come valorizzazione di percorsi di socializzazione positiva;
  • offrire ai bambini stimoli e percorsi didattici attraverso attività laboratoriali con materiali diversificati che possano valorizzare diversi codici espressivi nonchè la manualità fine e la coordinazione oculo manuale come competenze propedeutiche nel controllo del tratto grafico.